La leggenda di san Valentino, usi e costumi della festa degli innamorati di ieri e di oggi


Domenica prossima, 14 febbraio, come ogni anno in questo giorno si celebra l’amore e gli innamorati. Ma forse non tutti conoscono la storia di San Valentino. Il tentativo della Chiesa cattolica di porre termine ad un popolare rito pagano per la  fertilità, è all'origine di questa festa degli innamorati. Fin dal quarto secolo A. C. i romani pagani rendevano omaggio, con un singolare rito annuale, al dio Lupercus. I nomi delle donne e degli uomini che adoravano questo Dio venivano messi in un'urna  e opportunamente mescolati. Quindi un bambino sceglieva a caso alcune coppie che per un intero anno avrebbero vissuto in intimità affinché il rito della fertilità fosse concluso. L'anno successivo sarebbe poi ricominciato nuovamente con altre coppie. Determinati a metter fine a questa primordiale vecchia pratica, i padri precursori della Chiesa hanno cercato un santo "degli innamorati per sostituire il deleterio Lupercus. Così trovarono un candidato probabile in Valentino.  ll vescovo Valentino di Interamna, (oggi è la città di Terni), amico dei giovani amanti, fu invitato dall'imperatore pazzo Claudio II e questi tentò di persuaderlo cercando di farlo convertire nuovamente al paganesimo. San Valentino, con dignità, rifiutò di rinunciare alla sua Fede e, imprudentemente, tentò di convertire Claudio II al Cristianesimo. San Valentino fu lapidato e poi decapitato. Oggi viviamo questo giorno più per il suo aspetto commerciale che tradizionale, ristoranti pieni, cuori nelle vetrine, negozi di intimo presi d’assalto e fiorari che vendono rose da mattina a sera, ricette sfiziose a base di aragosta e peperoncino, tutto per poter colorare di rosa e di rosso il giorno dedicato all’amore. Baci ed effusioni sono d’obbligo, guai a chi non si coccola più del solito.. anche virtualmente, da quando infatti i Social Network sono sbarcati nelle nostre vite il modo di vivere l'amore e i rapporti di coppia è molto cambiato, sembra un passato sempre più lontano quel momento di attesa trepidante mentre si scartavano i “Baci Perugina”. Frasi d’amore o citazioni che facevano breccia nei cuori degli innamorati più golosi. Fine dell’intimità, anche dei piccoli gesti? Non proprio, forse ne è una sua evoluzione. Il mondo del web aiuta in quanto a consigli, regali e sorprese e poi ormai un “Ti amo” scritto pubblicamente su facebook è quasi più importante di un diamante donato fra le mura domestiche. San Valentino di domenica?!... mh vediamo quante innamorate riusciranno a distogliere i propri amati dalla altrettanto tradizionale “domenica sportiva”!!!!!