Confermato l'ergastolo per gli assassini di Fezzuoglio


“La sentenza della Cassazione che ha confermato definitivamente gli ergastoli per Pietro Pala e Raffaele Arzu, gli assassini del carabiniere Donato Fezzuoglio, mette fine a un calvario durato dieci anni che, oltre alla famiglia del giovane militare, ha coinvolto un’intera comunità, stretta nel dolore per la perdita”. Così il sindaco di Umbertide Marco Locchi ha commentato la notizia della sentenza dei giudici della Corte di Cassazione che hanno respinto il ricorso presentato dalla difesa dei due imputati e confermato il carcere a vita per Pala e Arzu, ritenuti gli autori dell’omicidio avvenuto il 30 gennaio 2006 in via Andreani. il sindaco Locchi ha aggiunto che “Donato Fezzuoglio ha perso la vita nel tentativo di difendere la comunità e per questo gesto eroico gli umbertidesi gli saranno grati per sempre. Con la sentenza della Cassazione è stata finalmente fatta giustizia e, anche se purtroppo non servirà per far tornare in vita Donato, il suo ricordo e il suo coraggio resteranno per sempre vivi in ognuno di noi”: queste le parole del primo cittadino umbertidese che ha anche ringraziato da parte di tutta la comunità di Umbertide l’Arma dei Carabinieri per l’impegno profuso quotidianamente in difesa delle comunità locali.