Pene che vanno dai quattro ai cinque anni di reclusione per gli albanesi autori dei furti nelle aree di servizio


Ieri al tribunale di Arezzo è stata promulgata la condanna per la banda di albanesi arrestati dai carabinieri della Tenenza di Sansepolcro tra agosto e settembre. Avevano compiuto colpi ai danni di aree di servizio e abitazioni fra Arezzo, Monterchi e il capoluogo biturgense. I tre albanesi sono stati condannati uno a quattro anni di reclusione e un altro a 5 anni e quattro mesi poiché aveva già dei precedenti. Il capo della banda, invece, ha ricevuto una condanna a 5 anni di carcere. L'operazione dei Carabinieri, lo ricordiamo, scattò alla Piccini Carburanti di Sansepolcro, lungo la statale Senese Aretina: due ladri furono arrestati in flagranza di reato, mentre il capo riuscì a fuggire verso Bellaria. In un primo momento la procura chiese la custodia cautelare in carcere ma il Magistrato dispose il semplice divieto di dimora nei Comuni di Arezzo e Sansepolcro. Nel giro di una manciata di ore, però, i militari biturgensi raccolsero ulteriori prove a carico della banda tanto da far decidere al Pm il loro fermo. Ieri l'ultimo capitolo, quello a firma del Gip Borraccia.