SANSEPOLCRO GIORNATA DELLA LEGALITà E SICUREZZA PARTECIPATO INCONTRO


Si è svolto sabato 30 Gennaio nella sala del consiglio comunale di Sansepolcro la “Giornata della Legalità” organizzata dall’’assessorato alle politiche di coesione sociale in collaborazione con la Legione Carabinieri Toscana, Tenenza di Sansepolcro. Al centro della partecipata iniziativa di informazione i sempre più diffusi fenomeni di furti, rapine e truffe. “La sicurezza dei cittadini e del nostro territorio è una priorità per la nostra giunta – ha spiegato in apertura il sindaco di Sansepolcro Daniela Frullani – dalla videosorveglianza con nuovi ed evoluti sistemi ad alta definizione, all’aumento dei punti luci e alla continua e fruttuosa collaborazione con le forze dell’ordine e tra cittadini. Dobbiamo cercare tutti insieme di fare il massimo per migliorare la qualità della vita, aumentare i deterrenti e potenziare la prevenzione.” Nell’ intervento il Tenente Luigi Grella della Tenenza dei Carabinieri di Sansepolcro ha elencato i reati più diffusi in città. In primo luogo si registrano reati contro la famiglia con episodi di violenza più o meno grave all’interno delle mura domestiche. Al secondo posto furti e truffe, soprattutto ai danni dei soggetti più deboli, tratti in inganno da falsi rappresentanti di forze dell’ordine o aziende pubbliche. Al terzo posto troviamo i reati relativi allo spaccio e al consumo di stupefacenti. “ Mai nessuno tra Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza o Agenti della Polizia municipale o fantomatico ispettore, è autorizzato a venire a casa vostra a chiedere soldi – ha spiegato con un linguaggio semplice e diretto l’ufficiale – il primo obiettivo del truffatore, che si presenta ben vestito ed affabile, è quello di entrare nella vostra casa, usando una qualsivoglia scusa, da un rimborso, un pagamento, un controllo, false amicizie comuni, un risarcimento o comunicazioni inventate. Truffe e furti avvengono in primo luogo nelle case, in strada e nei luoghi pubblici, quali ad esempio supermercati, farmacie, studi medici, chiesa, ufficio postale. 9 volte su 10, il ladro truffatore, all’apparenza competente e cordiale, cerca di ottenere la vostra fiducia. Inconsapevolmente vi induce a rivelargli dettagli della vostra vita e gli fanno guadagnare la vostra fiducia. La tecnica è quella di fare leva sulla vostra bontà d’animo e sui vostri sentimenti. A qualsiasi richiesta, compresa la vendita di prodotti, nuovi contratti per servizi, comunicazioni di incidenti o fatti gravi accaduti a familiari, è consigliabile per evitare rischi e per precauzione, rispondere semplicemente no grazie al citofono e senza aprire la porta. Se la persona o le persone insistono chiamate il 112 o direttamente il numero della nostra caserma di Sansepolcro 0575 743300. Siamo al vostro servizio e non dovete farvi scrupolo di telefonare. Non dovete avere timore perchè siamo pronti a rispondere alle vostre richieste. Meglio una telefonata in più che un furto o una truffa portata a segno. Se vi accorgete che sta succedendo qualcosa di strano, che stanno forzando una porta o tentando di entrare da una finestra o c’è qualcuno nella casa della vostra vicina anziana che vive sola telefonate senza pensarci due volte“. Il Tenente Grella, al quale sono state rivolte numerose domande e chiarimenti dai presenti, ha ribadito che il servizio dei Carabinieri di Sansepolcro è svolto nell’arco di tutte le 24 ore e che, nonostante l’alta concentrazione di furti di queste settimane, il 2015 ha registrato una diminuzione di 60 furti rispetto al 2014. “ Portate con voi sempre pochi soldi in contanti - ha quindi aggiunto il Tenente Grella – Ma la cosa più importante di tutte e la rete di solidarietà tra vicini. Se vedete o sentire rumori, movimenti strani, persone che non conoscete, chiamate il 112 o la caserma. Chi sta compiendo furti un questo periodo sono persone che girano e colpiscono dove trovano maggiore facilità, in particolare nelle zone del Melello, della Dogana, in abitazioni isolate, al Trebbio ma anche in centro. Sono persone che vengono da fuori, su 28 persone arrestate nel 2015 a Sansepolcro, 1 sola era di Sansepolcro e – ha aggiunto l’ufficiale - l’inasprimento delle pene per i furti è stata in questi anni molto pesante e prevende condanne fino a 10 anni. Dalle 17 alle 20 sono inoltre gli orari più a rischio e per questo abbiamo intensificato il servizio che si protrae sempre, giorno e notte. Anche il 24 dicembre c’è sempre personale che vi risponderà. La prevenzione e il contrasto alla criminalità sono le priorità e per questo è stato intensificato il controllo del territorio. Mi sento però di affermare – ha concluso il Tenente Grella - che a Sansepolcro non c’è una situazione allarmante e lo dico confortato dai dati, meno furti rispetto al 2014, più arresti anche grazie alla vostra collaborazione. Il rapporto che c’è tra rappresentanti di forze dell’ordine e cittadini è uno dei più alti d’Italia ma il sostengo reciproco e la prudenza sono i principi fondamentali.”