CITTA' DI CASTELLO E SANSEPOLCRO: REFERENDUM TRIVELLAZIONI MARINE


Sono 30524 i tifernati chiamati alle urne domenica 17 aprile per esprimersi sul cosiddetto “referendum sulle trivelle”. In sintesi il quesito propone l’abrogazione della norma che concede di rinnovare le concessioni per estrarre idrocarburi entro 12 miglia nautiche dalla costa italiana. Se i votanti saranno più del cinquanta per cento e i sì la maggioranza dei voti, allora la norma verrà cancellata dall’ordinamento italiano. Anche in questa tornata, le donne tifernati al voto supereranno gli uomini di oltre mille unità, 15884 a 14640; guardando chi vota per la prima volta, il rapporto non cambia: sono 313 cittadini, di cui 165 femmine e 148 maschi. Anche il più giovane del corpo elettorale è un’elettrice, che compirà 18 anni il 15 aprile, e, nella statistica, sta all’opposto della tifernate di 104 anni, che, essendo nata l’otto novembre 1911, è la votante più anziana. La scuola Giovanni Pascoli guida la classifica dei seggi più numerosi: tra i 54 presenti nel territorio comunale, detiene il record il numero 38 con 823 iscritti; il più piccolo invece è nella frazione di Petrelle con 214 elettori. Le urne si apriranno alle 7.00 per concludersi alle 23.00 e per votare è necessario presentarsi al seggio con la tessera elettorale e un documento di identità. Chi lo avesse smarrito o completato, può rivolgersi all’Ufficio elettorale di Città di Castello, in via XI Settembre, mercoledì 13 e giovedì 14 aprile dalle 9.30 alle 18.30 oppure nello stesso giorno di domenica 17 per tutta la durata delle votazioni. Sarà a disposizione dei cittadini un un servizio gratuito di trasporto, appositamente destinato ai portatori di disabilità per facilitare il raggiungimento del seggio elettorale. La macchina elettorale del comune di Città di Castello dunque è già a regime per il referendum ma, terminata tale consultazione, avrà appena qualche giorno di pausa prima di riprendere la sua piena funzionalità in vista delle elezioni amministrative per il rinnovo del sindaco e del consiglio comunale, previste domenica 5 giugno.

 

Invece a Sansepolcro gli elettori sono 5841maschi, 6440 femmine, per un totale di 12281. Anche qui ovviamente i cittadini elettori sono invitati a controllare la propria tessera elettorale. Qualora fossero esauriti gli spazi per l'apposizione del timbro è necessario rivolgersi quanto prima all'Ufficio Elettorale del Comune che rilascerà una nuova tessera. Chi avesse smarrito la tessera elettorale può chiederne una nuova all’Ufficio Elettorale che si trova in Piazza Gramsci 7 ed è aperto dal lunedì al sabato dalle ore 9,30 alle ore 13,30, il giovedì anche in orario pomeridiano dalle ore 15,00 alle ore 17,30 e inoltre venerdì 15 aprile e sabato 16 aprile dalle ore 9,00 alle ore 18,00 con orario continuato; infine domenica 17 aprile, giorno della consultazione, durante l’orario di apertura dei seggi. A Sansepolcro sono istituiti appositi seggi per elettori con problemi di deambulazione nella Scuola Elementare Collodi in Largo Mons. Di Liegro ai seggi 2-6-10-16-17; nella scuola Media Luca Pacioli in Piazza Dotti al seggio 7; nella Scuola Media Buonarroti in Via del campo Sportivo ai seggi 1-4-5-9-11-13. In questi luoghi possono votare anche coloro che non siano elettori della sezione purché in possesso di certificato medico rilasciato dalla USL, il cui personale è disponibile per rilascio dei certificati medici sabato        16 aprile dalle ore 11,00 alle ore 13,00 nella SEDE ASL di VIA XXV APRILE e domenica     17 aprile dalle ore 10,00 alle ore 11,00 nell’UFFICIO ELETTORALE di P.ZZA GRAMSCI. Sempre a Sansepolcro domenica 17 aprile, dalle ore 10,00 alle ore 12,00, sarà disponibile un servizio di trasporto con mezzi speciali per portatori di handicap. Chi avesse necessità di questo servizio dovrà contattare l’Ufficio Elettorale.