Anghiari e Il suo splendido e difficile Corso Matteotti, la famosa dritta, saranno i protagonisti dell’ottava tappa del giro d’Italia


E’ finalmente ufficiale e definitivo, l’ottava tappa del Giro d’Italia passerà in valtiberina ed è finalmente stato ufficializzato il percorso. La tappa di sabato 14 maggio vedrà gli atleti impegnati su 186km di corsa che partirà da Foligno e che avrà conclusione ad Arezzo; il percorso iniziale è stato cambiato e stravolto indubbiamente a favore della Valtiberina che sarà attraversata per intero. E’ previsto per le 14 circa il passaggio della carovana colorata ad Umbertide, dove ci sarà il primo traguardo volante della tappa, e che si snoderà poi da Montecastelli a Città di Castello dove deviando verso la frazione di Lerchi il tragitto proseguirà in direzione Monterchi, che sarà adibito a feed zone, zona rifornimento, e quindi a seguire Le Ville, San Leo e il tanto atteso momento di Anghiari: era infatti qui che da alcuni giorni fremeva la scelta di far passare gli atleti lungo la più agile Via Nova oppure sul più suggestivo Corso Matteotti. E’ ora ufficiale: dopo 3 anni dalla scorsa scalata che nel 2013 vide passare il giro d’Italia proprio nel bellissimo borgo valtiberino si potrà tornare ad applaudire ed incitare i campioni delle due ruote lungo lo splendido corso Matteotti meglio conosciuto come “La dritta d’Anghiari”. Una scalata che per difficoltà e effetto scenico darà grande lustro e visibilità alla cittadina. Da qui il proseguo della corsa sarà in direzione Scheggia, cima che con i suoi 576m di altezza assegnerà il gran premio della montagna di terza categoria, inutile dirlo che ancora più attesa sarà la salita dei corridori sui tornanti dell’Alpe di Poti che toccherà gli 827 metri e qui il gran premio della montagna sarà di 2^ categoria. Dalla Foce dello scopetone poi il gruppo riscenderà verso il traguardo che sarà nella centralissima via Ricasoli di Arezzo. Da sempre il Giro d’Italia ha creato festa lungo le strade al suo passaggio, uno sport in cui non serve biglietto d’entrata e per il quale la genuinità del tifo accomuna grandi e piccini. Appuntamento lungo le strade della nostra splendida vallata il 14 maggio con tante bandiere rosa a tifare per i nostri grandi atleti italiani.