OPERAZIONE “FAST CAR” della GUARDIA DI FINANZA


OPERAZIONE “FAST CAR” della GUARDIA DI FINANZA, SCOPERTA UNA FRODE FISCALE MILIONARIA NEL COMMERCIO DI AUTOVETTURE.

Ricavi non dichiarati all’Erario per oltre 6 milioni di Euro e nove persone denunciate all’Autorità Giudiziaria per reati fiscali ed associativi. Sono questi i principali risultati di un’intensa attività di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Perugia e svolta dai Finanzieri della tenenza di Città di Castello nei confronti di un’associazione a delinquere che commercializzava nel nostro Paese autoveicoli provenienti dalla Germania (di marche prestigiose quali BMW, Mercedes, Audi e Volkswagen) omettendo il versamento di IVA e delle Imposte Dirette.

L’attività investigativa, dapprima incentratasi nei confronti di due ditte operanti nell’Alta Valle del Tevere, ha portato alla luce il coinvolgimento nell’illecito traffico anche di altri operatori del settore con sedi nelle provincie di Perugia, Pesaro-Urbino ed Arezzo.