CIA ottima annata per l'olio umbro


“Così come per il vino anche per l'olio – secondo il presidente regionale della Cia dell'Umbria Domenico Brugnoni - sarà un'ottima annata.”

“Nel 2015 l'olio extravergine di oliva umbro sarà certamente il migliore degli ultimi anni come qualità e anche sotto l'aspetto quantitativo si può stimare fin d'ora una produzione di 60-65mila ettolitri, con una chiara tendenza al recupero in direzione delle quantità normalmente prodotte nella regione.

Infatti, - ha proseguito Brugnoni - nonostante le piante siano state sottoposte ad un notevole stress idrico specie in alcune fasi estive particolarmente calde, l'olio sarà di buona qualità soprattutto perchè le alte temperature raggiunte hanno contenuto molto la presenza di mosca olearia senza necessità di particolari interventi”.
I prezzi, vista la qualità, si prevedono in rialzo ma potrebbero subìre un duro colpo da un ulteriore ingresso di olio proveniente dall'estero.

A tal proposito il presidente della Cia umbria Brugnoni ha espresso grande preoccupazione per le ripercussioni negative che certamente avrà, sull’olivicoltura regionale, la decisione della Commissione europea di incrementare di 35mila tonnellate, per i prossimi due anni, l'importazione di olio tunisino nel territorio comunitario.

Per il presidente regionale della Cia si tratta di “una scelta irragionevole e dannosa, compiuta in un momento di grave difficoltà per i produttori italiani, ed umbri in particolare, ancora alle prese con le conseguenze della disastrosa annata olivicola 2014.
” Anche per questo “mentre si comprendono le problematiche dell'economia tunisina che l'Ue vorrebbe aiutare con la decisione presa – ha dichiarato ancora Brugnoni – è molto più importante sostenere un comparto di grande qualità come quello olivicolo, fondamentale per l'economia del nostro Paese e dell'Umbria, senza complicare ulteriormente una situazione già abbastanza compromessa.

“Inoltre – ha continuato il presidente regionale della Cia – anche su come quell'olio sarà commercializzato è lecito nutrire qualche dubbio: cosa sarà indicato in etichetta?
Quale sarà il suo prezzo di mercato?”

Di fronte a tali forti perplessità Brugnoni chiede al ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, di intervenire sul Parlamento e sul Consiglio europeo, che saranno presto chiamati a decidere in merito, cercando di bloccare questa assurda posizione della Commissione e invitandola ad aiutare l'economia tunisina con modalità diverse da quella così semplicisticamente individuata.”