equipe esperta e voncente per il sert di sansepolcro


Giovani da una parte, droghe e alcool dall'altra: un rapporto stretto anche in Valtiberina, dove curiosità, desiderio di relax, riduzione dello stress e divertimento sono le cause scatenanti.

Sotto questo profilo, il Ser.T. (Servizio Tossicodipendenze) della Valtiberina si sta muovendo in funzione dell'aumento dei bisogni, potendo contare su una equipe composta da due medici, due infermieri, uno psicologo, un educatore e un assistente sociale.

I dati confermano una sostanziale stabilita' e un ottimo grado di attrattività e ritenzione in trattamento dell'utenza. Si riduce la quota dei consumatori non trattati, che sono all'origine di danni sanitari e sociali. C'e' una prevalenza di 280 utenti in carico ogni anno, che sulla popolazione presa come riferimento (15-64 anni, pari a 19770 unità) rappresenta l'1.4% Siamo quindi ancora sopra l'1% della popolazione residente. "Operiamo sui fronti della prevenzione e della riabilitazione - dice il dottor Marco Baldi, responsabile del Ser.T. territoriale - e abbiamo raggiunto un livello di esperienza che ci permette di attuare programmi ad alta integrazione sociosanitaria, nei quali i nostri operatori includono fasce sempre piu' ampie di popolazione nell'educazione al contrasto e alla prevenzione delle dipendenze patologiche. Il programma si chiama "Critical Minds", e' riservato agli adulti e ha visto alternarsi circa 600 partecipanti nelle sette conferenze che abbiamo tenuto. La nascita del gruppo di prevenzione zonale ha portato a percorsi integrati con le altre unità funzionali del distretto, permettendo azioni coordinate e risparmio di risorse. La veloce diffusione dei nuovi sistemi di comunicazione ha portato poi il Ser.T. a dotarsi di un profilo Facebook, ampliando il lavoro di ricerca e rilevazione dei nuovi bisogni. Sul fronte della prevenzione - prosegue il dottor Baldi - lavoriamo in sinergia con l'Unione dei Comuni della Valtiberina Toscana, che sostiene i progetti sul territorio, con particolare riguardo agli operatori di strada".