duro campionato per il sansepolcro


La classifica dei bianconeri del Sansepolcro non sorride certamente, ma allo stesso tempo non si debbono creare degli allarmismi, il rischio potrebbe essere quello di peggiorare la situazione.

Le partenze di pedine importanti si fanno sentire, i giovani devono crescere e questo potrebbe essere l’anno più impegnativo proprio per questi motivi, che sarebbe stata una stagione dura e l’obiettivo sarebbe rimasto quello della salvezza è una realtà vera e non di parole. Se da un lato c’è una venatura di ottimismo dall’altro non devono essere presi sottogamba i segnali visti domenica a Viareggio dove probabilmente i bianconeri hanno disputato la peggior prestazione di questo campionato. Se contro la Sangiovannese avevamo visto un buon Sansepolcro, forse il migliore almeno in casa, non è stato così sul campo della Versilia: è necessario trovare quella continuità di gioco, che sicuramente una volta individuata potrà far esaltare le doti di questo gruppo. E’ proprio in questi momenti che i giocatori più esperti si dovrebbero caricare sulle spalle il peso della squadra, e visto che i segnali positivi arrivano per lo più dai fuoriquota sarebbe opportuno che per una volta sia proprio quello dei giovani l’esempio da seguire. Quello in corso è un campionato strano ma allo stesso tempo molto equilibrato e l’imperativo di questo Sansepolcro può essere quello di mantenere la compattezza sotto tutti gli aspetti. Domani mercoledì i bianconeri scendono in campo a Gubbio per la Coppa Italia e domenica al “Buitoni” arriverà il Foligno, una squadra che sulla carta è stata costruita per fare bene. Una settimana “calda” per il Sansepolcro con l’attenzione focalizzata su più fronti, con un comune denominatore, cercare di fare risultato.