Sansepolcro: FCU in consiglio comunale


Sono passati ormai 30 giorni dalla chiusura del segmento della ex Ferrovia Centrale Umbra che collega Città di Castello a Umbertide, con i disagi e i disservizi per gli utenti che sono facilmente immaginabili.

Molte persone utilizzano il treno anche partendo dalla Valtiberina Toscana, dove com’è noto la stazione di Sansepolcro costituisce il capolinea della ferrovia. Il problema è che quando i pendolari arrivano a Città di Castello debbono scendere dal treno, prendere un pullman sostitutivo e poi arrivare con quello a Umbertide, dove possono prendere un altro treno per proseguire fino a Perugia, con i ritardi che una simile situazione inevitabilmente comporta. Di questo problema si è parlato anche in consiglio comunale a Sansepolcro per via di un’interpellanza avanzata dai Democratici per Cambiare e da “La Sinistra".

L’atto è stato presentato in aula da Lorenzo Moretti dei Dpc. Nella sua risposta il sindaco Daniela Frullani ha ricordato che la ex Ferrovia Centrale Umbra è utilizzata tutti i giorni da almeno 200 persone per il tratto Città di Castello-Sansepolcro e viceversa e che il disagio resta appunto per chi è diretto a Perugia o a Umbertide. Il primo cittadino ha espresso preoccupazione per questa situazione che si sta del resto prolungando nel tempo. Ha citato poi l’incontro tenuto a Città di Castello con i sindaci interessati, ma ha anche rilevato che per il cumulo di lavori attesi dalla linea ferroviaria al momento non esistono progetti di sorta. Si conosce solo una cifra, che oscilla fra i 5 e i 6 milioni di euro necessari per il ripristino della tratta. Nulla si sa invece dei tempi previsti per l’operazione.

Ci sono stati incontri fra gli amministratori locali , i dirigenti di Umbria Mobilità (che com’è noto ora fa capo a FS Busitalia) e l'assessore umbro ai trasporti Giuseppe Chianella, che ha espresso ottimismo ma si è ben guardato dal fornire tempi e cifre precise. Il primo cittadino biturgense ha aggiunto che, seppure in misura minore, anche il tratto  Sansepolcro-Città di Castello ha comunque bisogno di manutenzione. La richiesta della municipalità pierfrancescana è che venga rifatto contestualmente al tratto di Umbertide. E la Frullani ha collegato questa tematica alla prospettiva del collegamento con Arezzo, auspicando un intervento comune e concreto proprio in vista di quest’ultimo progetto.