A Città di Castello il concorso Giulio Pierangeli


Sabato 17 ottobre alle 11.30 nella sala dell'Officina della Lana in via San Bartolomeo a Città di Castello avrà luogo la presentazione pubblica delle due ricerche storiche per giovani studiosi che hanno vinto la prima edizione del concorso indetto dall’Istituto Venanzio Gabriotti.

Sono gli studi di Angela Pierli (“Esposti, trovatelli e gettatelli: la storia dell’esposizione dei neonati e le storie degli abbandoni tra Città di Castello e Sansepolcro”) e di Lucia Tognelli (“Le tradizioni popolari relative al ciclo delle feste calendariali e dei grandi lavori agricoli nel comune di Monte Santa Maria Tiberina”).

Le vincitrici del concorso illustreranno brevemente le loro ricerche. Nell’occasione il concorso, che avrà cadenza annuale, sarà ufficialmente intitolato all'illustre avvocato, intellettuale e uomo politico di Città di Castello Giulio Pierangeli. Inoltre verranno ricordati i tratti salienti della sua vita e della sua opera.

La manifestazione intende da un lato con due borse di 700 euro ciascuna offrire concreti incentivi ai giovani studiosi e dall'altro commemorare un tifernate che ha segnato la storia del '900 ma che purtroppo è ancora poco noto.