LA POLIZIA ARRESTA UN PREGIUDICATO TUNISINO


Conosciuto dalle Forze dell’Ordine, più volte denunciato e arrestato per reati connessi con lo spaccio di sostanze stupefacenti dagli agenti del Commissariato di Città di Castello, un trentatreenne tunisino è stato nuovamente arrestato in base a un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale presso la Corte d’appello di Perugia. Già sottoposto al provvedimento della Sorveglianza Speciale, il tunisino non ha mai interrotto la propria attività illecita. L’ultima denuncia in stato di libertà risale a qualche settimana orsono, quando i poliziotti del Commissariato, durante un controllo finalizzato al rispetto degli obblighi della Sorveglianza, non lo avevano trovato in casa. Più volte era stato trovato in compagnia di altri pregiudicati, senza minimamente provvedere alla ricerca di un lavoro stabile e duraturo, così come invece vari provvedimenti giudiziari precedenti gli avevano imposto. Responsabile di estorsione, furto e altri reati connessi, associato al carcere perugino di Capanne, dovrà scontare 2 anni e 7 mesi di reclusione e pagare una pena pecuniaria di 34 mila euro.