L'area ricreativa del Parco Langer si veste di nuovo


Dal qualche giorno bambini e ragazzi che abitualmente frequentano gli spazi del Parco Alexander Langer a Città di Castello, possono sperimentare i nuovi giochi che hanno arricchito le zone verdi.

Si tratta di un implemento di servizi che rientra nell’ambito di un progetto che l’assessore all’Ambiente del comune tifernate Luca Secondi definisce “la via verde dell’Umbria, il percorso cioè che costeggiando il Tevere, salda il fiume alla città con un sistema di servizi e collegamenti, che per il turista sono da visitare e per il tifernate da vivere”.

I nuovi arredi si inseriscono in una programmazione più ampia nella quale convergono diverse azioni: il PUC 2, il Piano di sviluppo rurale della Regione Umbria e il progetto di pista ciclabile, i cui lavori sono stati aggiudicati appena qualche giorno fa. “Misure integrate” che per Secondi “stanno cambiando il paesaggio urbano, introducendo tipi di fruibilità sostenibili ma efficienti come del centro per la disabilità del Canoa Club e dell’anfiteatro, che è stato tinteggiato, ristrutturato ma soprattutto messo a norma sotto tutti i punti di vista - impianti, collaudi, autorizzazioni - e potrà ospitare manifestazioni ed eventi pubblici. Naturalmente siamo in una fase intermedia: il lavoro rimanente dovrà essere diretto al recupero degli spazi accessori dell’anfiteatro non ancora utilizzabili pensando in futuro ad una gestione complessiva ed esterna di tutta l’area, sulla base di un calendario di attività e un insieme di servizi collegati al turismo ambientale, di cui il bike sharing già impiantato può essere considerato un’anticipazione. Il Comune tifernate ribadisce che il Tevere può essere la chiave di volta funzionale e strategica allo sviluppo turistico della città e alla sua connotazione sul fronte ambientale e culturale”. Una riqualificazione generale dunque all’orizzonte che per la prossima bella stagione restituirà alla città tutta una rete di servizi e percorsi verdi che partendo dal polmone storico della città, il parco Langher, potrà finalmente rifare vita e funzionalità ad uno spazio da sempre caro a tutti i tifernati