Furto di catalizzatori, è allarme: decine di segnalazioni alle forze dell'ordine

Furto di catalizzatori, è allarme: decine di segnalazioni alle forze dell'ordine
Furto di catalizzatori, è allarme: decine di segnalazioni alle forze dell'ordine

Furti di catalizzatori delle auto sempre più frequenti anche in Altotevere. Numerose segnalazioni e denunce arrivano infatti dagli abitanti di Città di Castello; anche nello scorso fine settimana diversi episodi si sono verificati nel capoluogo tifernate, dai parcheggi vicino alla scuola Ipsia a ridosso del centro, fino alla zona di Montedoro e San Pio. Colpi finalizzati a sottrarre marmitte e catalizzatori. In molti infatti si sono accorti dei danni subiti mettendo in moto l’auto che però emetteva un rumore inusuale. Da qui il trasferimento in carrozzeria e l’amara scoperta: la parte sottostante del veicolo era sezionata in due parti, forse con l’aiuto di un disco da taglio, mentre alcuni dispositivi erano stati portati via. Quindi non solo atti di vandalismo contro le auto, come nelle settimane scorse, ma veri furti per incamerare materiali dai catalizzatori che contengono metalli pregiati: platino, palladio e rodio che impiegati nei dispositivi per l’auto facilitano le reazioni chimiche. Ogni pezzo rubato può rendere dai 100 ai 400 euro. Gli episodi sono stati regolarmente denunciati ai Carabineri tifernati.