Caso Pecorelli: scena muta dell'imprenditore alle domande dei carabinieri

Caso Pecorelli: scena muta dell'imprenditore alle domande dei carabinieri
Caso Pecorelli: scena muta dell'imprenditore alle domande dei carabinieri

Davide Pecorelli, l'imprenditore scomparso per nove mesi e ritrovato poi al largo dell'isola di Montecristo, non ha risposto alle domande dei carabinieri della caserma di Porto Santo Stefano (Grosseto) dove si era presentato ieri mattina per un interrogatorio sulla vicenda legata alle monete d'oro, rubate nel 2019 dal museo di San Mamiliano a Sovana (in provincia di Grosseto). I militari hanno chiesto informazioni sul ritrovamento di una chiave rinvenuta nella stanza d’albergo all’isola del giglio, dove l’imprenditore soggiornava, circa un presunto garage a porto santo stefano. La procura ha indagato Pecorelli per ricettazione. L'imprenditore umbro era accompagnato dall'avvocato Giancarlo Viti, che ha spiegato di non conoscere le contestazioni in dettaglio, da qui la decisione di avvalersi della facoltà di non rispondere.