Attestati Oss per gli studenti, ora si aprono le porte del mondo del lavoro

  • Attestati Oss per gli studenti, ora si aprono le porte del mondo del lavoro
Attestati Oss per gli studenti, ora si aprono le porte del mondo del lavoro

Alessia Bruschi, Annalisa Falcone e Andrea Umani, dell' istituto Giovagnoli, hanno preso parte alla consegna degli attestati di operatore socio sanitario. Questa sperimentazione, finanziata dalla Regione, ha visto prendere parte ben 28 studenti di 4 istituti e permette agli alunni dei professionali socio sanitari di acquisire il diploma di «Operatore socio sanitario» subito dopo l’ottenimento del diploma di Stato, grazie ad un percorso di alternanza scuola lavoro all’interno della Asl e delle Rsa, compiuto durante il triennio. L'evento si è tenuto nei giorni scorsi nell’aula magna «La Moderna» del «Signorelli» di Cortona e hanno preso parte, oltre gli alunni protagonisti dell’evento, il sindaco di Cortona Luciano Meoni, i referenti della Asl dott. Massimo Spighi e dott.ssa Luciana Panicucci e i docenti referenti delle quattro scuole coinvolte. Le scuole interessate presenti alla cerimonia erano quattro, 28 gli studenti coinvolti, di cui tre provenienti dal nostro Istituto Giovagnoli, accompagnati dai proff, Anna Maria Bennati e Alessandro Rossi. Il dirigente scolastico, Maria Beatrice Capecchi che ha dichiarato: «Nel contesto storico attuale poter offrire al nostro territorio provinciale ben 28 nuovi operatori sociosanitari che possono immediatamente prestare servizio è motivo di orgoglio per i nostri istituti. La collaborazione con l’Azienda Sanitaria Locale è stata ottima. L’obiettivo a cui abbiamo puntato è stato quello di formare OSS attraverso una collaborazione sinergica tra la scuola e la Asl, programmando insieme contenuti, metodi, strategie d’intervento permettendo ai nostri alunni di velocizzare i tempi per l’acquisizione del titolo. Questo progetto è significativo per più motivi in quanto permette agli operatori socio sanitari l’ottenimento di un lavoro immediato, l’acquisizione di conoscenze e competenze dirette all’interno della Asl e una formazione di alto livello». Il sindaco Meoni, presente come nella prima edizione, ha manifestato il piacere di incontrare gli alunni che hanno intrapreso un percorso professionale che li porterà a svolgere un lavoro dedicato al sociale ed ha dichiarato l’importanza e la responsabilità di questa tipologia di lavoro che si rivolge al benessere della comunità augurando loro il meglio per il futuro. Non sono mancati gli auguri, da parte delle autorità, ai ragazzi che sono riusciti a portare a termine questo percorso nonostante le difficoltà oggettive nel gestire tirocinio e stage in questo contesto pandemico. Ed ora la possibilità di immergersi nel mondo del lavoro è reale e concreta.