Palestre all’aperto per fare sport anche al tempo del Covid-19

  • Palestre all’aperto per fare sport anche al tempo del Covid-19
  • Palestre all’aperto per fare sport anche al tempo del Covid-19
  • Palestre all’aperto per fare sport anche al tempo del Covid-19
  • Palestre all’aperto per fare sport anche al tempo del Covid-19
  • Palestre all’aperto per fare sport anche al tempo del Covid-19
Palestre all’aperto per fare sport anche al tempo del Covid-19

Allestire palestre a cielo aperto nei parchi comunali per fare sport anche al tempo del Covid-19.

E’ l’obiettivo per cui il Comune ha partecipato al bando «Progetto sport e salute –sport nei parchi», promosso da «Sport e salute spa» e Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci).

Il progetto offre l’opportunità di cofinanziare progetti di riqualificazione delle aree verdi pubbliche finalizzati a consentire, anche attraverso l’installazione di attrezzature specifiche, la pratica sportiva ai cittadini di tutte le età che oggi è condizionata dalle restrizioni nell’utilizzo dei luoghi chiusi dovute alla pandemia. “Nella città dello sport è d’obbligo percorrere ogni strada possibile per permettere ai tifernati di continuare a fare attività fisica”, afferma l’assessore competente Massimo Massetti, nel sottolineare come “l’amministrazione comunale ritenga indispensabile rispondere alle aspettative degli oltre 14 mila praticanti che stanno sopportando il pesante, seppur necessario, sacrificio di rinunciare alle proprie abitudini e alle proprie passioni, ma anche al benessere psicofisico che deriva da un costante impegno sportivo”. Con la previsione di un cofinanziamento da parte del Comune di 20 mila 500 euro, sono state definite tre proposte progettuali che riguardano altrettante aree verdi cittadine: il parco del quartiere Madonna del Latte; il parco «Le Fonti» e «Alexander Langer».

«Auspichiamo per primi che si possa tornare presto alla normalità e possano riaprire palestre e impianti sportivi, ma siamo anche convinti della necessità di guardare concretamente alle opportunità che in un simile scenario di pandemia sono finalizzate a migliorare i luoghi pubblici della città, mettendoli a disposizione delle esigenze di tutti, dai bambini ai nonni», spiega Massetti, che ringrazia per il lavoro progettuale che ha consentito di aderire all’avviso pubblico il dirigente comunale di settore Giuliana Zerbato, la responsabile delle Aree Verdi Vilma Conti, Mauro Burani e Cristina Consigli del servizio sport.