Concerto in ricordo di “nonna Lisa” Zappitelli: requiem di Antonio Caldara

  • Concerto in ricordo di “nonna Lisa” Zappitelli: requiem di Antonio Caldara
  • Concerto in ricordo di “nonna Lisa” Zappitelli: requiem di Antonio Caldara
Concerto in ricordo di “nonna Lisa” Zappitelli: requiem di Antonio Caldara

Il Requiem, di Antonio Caldara, trascritto solo recentemente da un manoscritto conservato in una biblioteca benedettina in Austria la prima esecuzione in tempi moderni.

E’ l’inedito e commovente “regalo” alla famiglia in ricordo di nonna Luisa Zappitelli (icona dei diritti delle donne e dell’attaccamento ai valori della patria e della bandiera scomparsa lo scorso 19 giugno all’età di 109 anni) e alla città dell’Associazione Musicale Armonia Antiqua, presente ogni estate dal 2017 a Città di Castello con un cartellone musicale di assoluto rilievo artistico-culturale. Il concerto, sabato 7 Agosto alle 19,30 all’Hotel Villa san Donino, sala dei 300, concluderà il programma di eventi musicali con il patrocinio del comune tifernate.

“In accordo la figlia e amica Anna Ercolani – precisa il Professor Claudio Caponi – abbiamo deciso di concludere le nostre settimane estive a Città di Castello, ormai da cinque col ricordo della vostra illustre concittadina, Luisa Zappitelli, conosciuta in tutto il mondo, venuta recentemente a mancare”.

 

“Abbiamo inserito nel programma un importante brano musicale, un Requiem, di Antonio Caldara, trascritto solo recentemente da un manoscritto conservato in una biblioteca benedettina in Austria e che sarà quindi la prima esecuzione in tempi moderni: quindi una vera rarità. Un brano veramente di notevole bellezza per una persona speciale”. “L'invito è aperto a tutte le persone che avrete il piacere di invitare rispettando naturalmente tutte le normative sanitarie vigenti di green pass o di tampone effettuato nelle 48 ore precedenti all'evento”.

“La nostra avventura musicale a Città di Castello comincia nel 2017. Dopo il terremoto ad Amatrice del 2016, dove queste settimane musicali erano nate nel 2010 abbiamo trovato una calorosa ospitalità nel comune di Città di Castello grazie alla sensibilità di Anna Ercolani,e della sua Associazione Culturale Planetario Artistico”.

“Suonare un brano strumentale di Caldara ha risvegliato in noi il desiderio di conoscere questo grande musicista con una ricerca musicale più approfondita. Grazie al prezioso contributo del bibliotecario del Pontificio Istituto di Musica Sacra Antonio Addamiano, mio compagno di musica da più di quaranta anni nell’Associazione Musicale Armonia Antiqua, che organizza queste settimane Musicali, ultimamente anche con l’Associazione Musicale Aramus, di Osvaldo Guidotti, siamo riusciti ad avere, da un monaco benedettino, bibliotecario di una Abazia in Austria, le foto del manoscritto di un Requiem che è risultato non essere mai stato eseguito in tempi moderni. Così nasce il programma musicale di quest’anno che fortunatamente siamo riusciti a organizzare e la grande amicizia di questi anni con Anna Ercolani ci ha portato a dedicare il concerto finale, al ricordo della sua cara mamma. La nostra Associazione Musicale Armonia Antiqua – ha concluso il Professor Caponi - nasce negli anni‘ottanta e ha tenuto concerti, in tutta Europa e negli Stati Uniti. Le nostre settimane musicali a Città di Castello, che hanno sempre goduto del prestigioso patrocinio del vostro Comune, sono state realizzate sempre grazie all’aiuto di bravi e generosi insegnanti”.

"Sono felice da tanto affetto, ricordare mia madre in musica con un brano inedito è davvero commovente", ha dichiarato la figlia Anna Ercolani.